I Carmelitani e la Melissa

IMG_2134

La Melissa moldavica o (Dracocephalum moldavia) è la pianta da cui viene estratto l’olio essenziale alla base di tutti i prodotti alla melissa dei Carmelitani Scalzi di Venezia.

La ricetta dell’alcolato di Melissa proviene dalla Francia del 1611 in cui si utilizzava la Melissa officinalis, ma la formula impiegata dai frati veneziani, a partire dal 1710, utilizza la Melissa moldavica, variazione che ha fatto la fortuna del prodotto. L’alcolato ebbe così grande successo che i Carmelitani Scalzi di Venezia, per difenderlo dalle contraffazioni, richiesero e ottennero l’esclusiva della produzione nel 1754. Attualmente i prodotti erboristici e l’alcolato di Melissa non sono più prodotti dai Carmelitani Scalzi di Venezia ma dai confratelli di Verona. La Melissa rimane comunque presente nel convento di Venezia, coltivata nella seconda aiuola del Giardino Mistico, l’hortus semplicium.

La M. moldavica è una pianta annuale che cresce prevalentemente in ambienti aridi e preferisce le zone collinari sopra i 200 metri sul livello del mare. La pianta è famosa per i suoi fiori bluastri che sono molto simili a quelli della Melissa officinalis. I fiori blu possono ricordare una testa di serpente ed è da questa caratteristica che si è guadagnata il nome di Dracocephalim che letteralmente significa “testa di serpente”. Il nome melissa invece è legato al suo rapporto con le api, in greco mélissa significa ape poiché viene impollinata prevalentemente da questo insetto, attirandone in gran numero durante la sua fioritura.

Questa delicata pianta, che fiorisce tra giugno ed ottobre, ha portato le sue proprietà benefiche dalla regioni meridionali della Siberia da dove proviene, anche se ormai è adattata alle regioni mediterranee.

Le sue foglie vengono raccolte a giugno ed essiccate prima di procedere all’estrazione dell’olio essenziale mediante distillazione in corrente di vapore.

L’Olio essenziale disciolto nell’alcol (70%) iniziò a essere usato per empirismo terapeutico nel 1710. Dall’empirismo si è passati agli studi scientifici moderni sulle componenti dell’olio essenziale, che hanno confermato alcune delle proprietà già individuate a livello empirico. L’estratto è ricco di flavonoidi che sono molecole fortemente antiossidanti. Presenti anche geraniolo e linalolo che hanno proprietà antibatteriche ed antifungine. L’acido rosmarinico invece dà un azione antinfiammatoria.

IMG_2155

Prodotto di punta tra quelli alla melissa è “l’Acqua di Melissa”, insieme di oli essenziali sciolti in alcol. Lo studio scientifico e le conoscenze antiche di 300 anni portano a determinare i seguenti modi d’uso:

  • Svenimenti e capogiri: da far fiutare qualche goccia sul fazzoletto, bagnare le narici, frizionare la fronte.
  • Disturbi di stomaco: assumere un po’ d’acqua (un cucchiaino)o alcune gocce su una zolletta di zucchero.
  • Mal di denti: prendere poche gocce in bocca o inzuppare un po’ di cotone e accostarlo alla zona dolente.
  • Mal di testa e insonnia: inumidire col prodotto fronte e tempie.
  • Infiammazioni della bocca e della gola: Deporre 10/15 gocce in un bicchiere con poca acqua e fare gargarismi, sciacqui 3 o 4 volte al giorno.
  • Infiammazioni respiratorie: Assumere su una zolletta di zucchero alcune gocce, 2 o 3 volte al giorno.
  • Infiammazioni alla pelle e scottature: strofinare varie volte con un batuffolo di cotone inumidito con alcune gocce.
  • Forfora e caduta dei capelli: frizionare i capelli con un po’ di gocce dopo lo shampoo e prima del risciacquo.

IMG_1686 copia

Tutti i prodotti erboristici, Acqua di Melissa in primis, si possono trovare al Punto Amico, negozio dei Carmelitani Scalzi di Venezia che si trova laterale alla Chiesa al civico 54 di Cannaregio. Gli orari del Punto Amico sono: 9 – 13 e 16 – 19, con chiusura il lunedì.

3 commenti

  1. Interessantissimo! Vorrei sapere se dai frati è possibile ottenere alcuni semi di Dracocephalum? Grazie

    • Gentilissimo Angelico,
      i semi potranno essere disponibili in autunno. Attualmente nel convento di Venezia non sono fruibili.
      Grazie per il tuo commento.

  2. Grazie della risposta :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *